Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

mercoledì, 18 Settembre 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 “Ferie solidali: la solidarietà fra colleghi è sempre un segnale di civiltà”
Conferenze stampa

San Giuliano

18 settembre 2019 - ore 11.00 - Scuola primaria

Rigutino: i lavori alla scuola

17 settembre 2019 - ore 10.00 - Scuola elementare a Rigutino est

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Ferie solidali: la solidarietà fra colleghi è sempre un segnale di civiltà”

Dichiarazione della capogruppo consiliare di Fratelli d’Italia, Giovanna Carlettini

In un ambiente di lavoro s’instaurano amicizie e legami. È certamente uno degli aspetti più positivi della vita professionale. Quando fra colleghi scatta il sostegno reciproco, le condizioni di un ufficio e di un servizio migliorano sensibilmente. Ci sono anche strumenti legislativi per dare corpo a questa solidarietà, uno di questi sono le cosiddette “ferie solidali”.

Pensate per permettere ai colleghi di cedere a titolo gratuito ad altri colleghi le ferie nel caso in cui questi ultimi debbano prestare assistenza costante a un figlio minore con particolari esigenze mediche e di salute, le ferie solidali potrebbero essere estese anche ad altre fattispecie: perché un genitore o un coniuge non devono avere pari dignità in questi casi? Dove sta la ratio di una norma che resta ingessata a una sola ipotesi, seppur importante come quella dei figli, e non può essere applicata analogicamente?

Con un atto di indirizzo chiederò di conseguenza al Consiglio Comunale di deliberare in merito: un pronunciamento politico dell’assemblea su un tema che coinvolge un principio di civiltà, sarebbe un segnale importante. Altre realtà in Italia, ad esempio in Piemonte, hanno già provveduto a estendere la possibilità di utilizzare le ferie solidali anche per se stessi o per un familiare.

Ovviamente, le ferie solidali dovrebbero essere disciplinate in modo tale da venire incontro a reali esigenze dei dipendenti bisognosi, esigenze motivate e documentate. Ma se queste fossero le premesse, perché proprio un ente locale dovrebbe impedire questa forma di solidarietà? E perché il Comune di Arezzo dovrebbe rinunciare a fare scuola su questo terreno?

 

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo