Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

mercoledì, 18 Settembre 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 Rischio idraulico, manutenzione e progettazione a tutela del territorio
Conferenze stampa

San Giuliano

18 settembre 2019 - ore 11.00 - Scuola primaria

Rigutino: i lavori alla scuola

17 settembre 2019 - ore 10.00 - Scuola elementare a Rigutino est

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Rischio idraulico, manutenzione e progettazione a tutela del territorio

La replica dell’amministrazione comunale a Pd e Arezzo in Comune

L’amministrazione comunale replica alla richiesta di dimissioni avanzata dai gruppi consiliari di Arezzo in Comune e Partito Democratico, in seguito alla eccezionale ondata di maltempo che ha colpito la città sabato scorso. “Deve essere uno stile di famiglia quello di attribuire delle precise responsabilità subito dopo il manifestarsi di eventi drammatici che hanno coinvolto tanti cittadini. Prima ci ha pensato l’assessore regionale Ceccarelli che lunedì mattina, insieme al suo collega di giunta regionale Fratoni, competente in materia di difesa del  suolo, ha effettuato un sopralluogo nelle aree alluvionate e ha tempestivamente individuato delle responsabilità per quanto occorso. E’ un assessore preparato sulle tematiche della viabilità e dei trasporti ma non pensavamo che lo fosse anche sull’idrologia e l’idraulica fluviale. Altri suoi colleghi istituzionali di partito, e in primis il governatore Rossi, hanno avuto un comportamento più consono alla situazione.

Mentre l’amministrazione comunale sta profondendo i suoi sforzi per risolvere le emergenze ancora in corso, quali l’allontanamento del materiale alluvionato, il ripristino della viabilità comunale e vicinale, il supporto allo sfangamento dei vani allagati, il PD aretino e Arezzo in Comune, come il rapace che attende la morte della sua preda per divorarla, non perdono la ghiotta occasione e sciorinano una serie di cifre e di interventi che, secondo loro, dovevano essere fatti ma che in realtà non sono stati portati a compimento. Nel ribadire ancora una volta l’inopportunità, in questo momento di emergenza, di attribuire responsabilità e fare i censori dei comportamenti altrui, si mette in evidenza che la verità è molto diversa da quella che ci viene rappresentata.

L’amministrazione Ghinelli fin dal suo insediamento non ha sottovalutato le problematiche connesse con il rischio idraulico e per questo, in una logica di sinergia istituzionale tra i vari enti che sovraintendono la gestione del reticolo idrografico, ha attivato tavoli di confronto con il Genio Civile (Regione Toscana), il gestore del servizio idrico e il Consorzio di Bonifica per l’individuazione prima delle problematiche presenti sul territorio e dopo per le relative soluzioni progettuali. Ricordiamo al riguardo che a causa della “querelle” innescata dalla giunta Fanfani con il Consorzio di Bonifica, l’attività del suddetto ente sul nostro territorio comunale era quasi del tutto paralizzata. Noi abbiamo riattivato l’operatività del Consorzio, che si occupa della manutenzione ordinaria del reticolo e degli interventi straordinari su delega della Regione, concertando il piano degli interventi di manutenzione ordinaria e partecipando attivamente ai vari tavoli concertativi sulle progettazioni e alle conferenze dei servizi in capo a suddetto consorzio.

Ma veniamo a elencare cosa è stato fatto. Siamo intervenuti sul torrente Castro nel suo tratto tombato per liberarlo dai detriti di lavorazione dell’ex Bastanzetti che ostruivano il corretto deflusso delle acque, riducendo pertanto il rischio sulla città. Nel novembre del 2016, ma forse gli esponenti dell’opposizione non se ne ricordano, ci furono importanti esondazioni nella parte nord del territorio comunale e in particolare in località Antria e lungo le direttrici di viale Santa Margherita e via Buonconte da Montefeltro. Il nuovo scolmatore del fosso delle Pergolacce è quasi completato, progettato grazie al Consorzio e realizzato con fondi dell’amministrazione: di conseguenza il rischio idraulico sulla frazione è sensibilmente diminuito ed eventi come quello del 2016 non provocheranno più danni. Ci sono voluti più di due anni per realizzarlo ma non certo per inerzia dell’amministrazione: qui le responsabilità vanno trovate altrove.

Viale Santa Margherita e via Buonconte da Montefeltro: concertato con Nuove Acque l’intervento per la mitigazione del rischio idraulico, miglioramento ambientale che prevede la realizzazione di un nuovo collettore fognario di acque reflue e di un fosso scolmatore posto a bordo carreggiata. In questo caso siamo ancora in attesa delle necessarie autorizzazioni da parte di tutti gli enti competenti. Su tali ambiti siamo intervenuti anche direttamente sull’adeguamento dei fossati, lasciati all’incuria da parte dei privati.

I lavori per la realizzazione della cassa di espansione sul torrente Bicchieraia e sul torrente Covole, gestiti direttamente dalla Regione Toscana e figli di un accordo di programma del 2015, si sono recentemente avviati o sono in corso di avvio. Ci sono state delle lungaggini amministrative e ora ci sono delle complicazioni tecniche, come spesso accade quando si opera sui corsi d’acqua in un ambito fortemente antropizzato come il nostro, ma siamo fiduciosi nella loro repentina ultimazione. Ricordiamo che questi ultimi due interventi dovrebbero ridurre del tutto il rischio idraulico sulla città e ciò non è poca cosa.

Per quanto riguarda infine il Valtina e il Sellina, e quindi anche via Romana e il reticolo delle acque basse, ci preme rilevare che non è affatto vero che gli stessi non siano stati ritenuti prioritari. Sono interventi previsti nel piano delle opere pubbliche. Purtroppo i progetti ereditati dalla precedente amministrazione, per lo più studi di fattibilità o progetti preliminari, non sono più attuabili. Negli ultimi anni sono mutati, in peggio, gli scenari idrologici di riferimento che comportano giocoforza una rivisitazione profonda della progettazione, in quanto è su questi ultimi scenari che si basa la progettazione di qualsiasi intervento di messa in sicurezza idraulica.

In questo caso abbiamo anche un altro grosso problema. Negli ambiti territoriali in cui si snodano i suddetti torrenti, si trovano dislocati una serie di interventi antropici (quali strade, ponticelli, abitazioni, resedi, ma anche acquedotti, fogne, reti del gas) che rendono particolarmente difficile l’inserimento nel territorio degli interventi necessari per la mitigazione del rischio idraulico quali adeguamenti di sezione, argini, muri. Sul Valtina per esempio si renderà necessario molto probabilmente spostare il corso d’acqua per centinaia di metri: facile a dirsi, molto più complesso a farsi. Interventi che poi spesso sono incompatibili con le presistenze. Se poi si crede o si tende a far credere che sia tutto semplice e veloce come demolire le abitazioni, o demolire i ponticelli di accesso alle abitazioni, ovvero spostare le strade, forse si vive in un altro pianeta o si raffigura una realtà che non esiste e in questo momento poi si fa dello sciacallaggio politico.

La progettazione degli interventi sul Sellina e Valtina va comunque avanti; su quest’ultimo è ancora aperta la conferenza dei servizi sul progetto definitivo (è una conferenza tecnica) con tutti i soggetti competenti in materia per l’individuazione della soluzione più idonea. Perché questa è la verità: anche i tecnici della Regione, data la complessità della situazione, non hanno ancora individuato la soluzione ottimale che poi dovrà essere da loro autorizzata.

Le problematiche poste del torrente Sellina sono ancora più complesse di quelle del Valtina in quanto le dinamiche idrauliche di questo corso d’acqua, nel suo tratto terminale, interferiscono direttamente con il sistema fognario urbano di via Romana. Nella conferenza dei servizi del 03/03/2017 il comune di Arezzo ha confermato “la necessità dell’intervento, dimostrata anche dagli ultimi eventi meteorologici”.

Il problema poi, come logico, va affrontato da monte e la realizzazione della cassa di espansione potrebbe essere una soluzione parziale. Usiamo il condizionale perché non abbiamo molto territorio disponibile per realizzare una cassa di espansione di capacità idonea a far fronte a eventi eccezionali come quelli di sabato 27 luglio.

Infine, in una logica di utilizzo razionale delle poche risorse economiche che gli enti locali hanno a disposizione, abbiamo ritenuto opportuno predisporre uno studio idraulico su tutto il territorio comunale. Il suddetto studio, redatto sulla base dei nuovi scenari idrologici di riferimento, ha consentito di predisporre una mappatura aggiornata del rischio idraulico sul nostro territorio. E’ su tale mappatura che sarà possibile individuare un elenco di priorità su cui intraprendere la progettazione e richiedere finanziamenti per la realizzazione degli interventi strutturali di mitigazione del rischio. Mitigazione e non annullamento totale, questo è bene ricordarlo. Questi sono i fatti”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo