Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

lunedì, 21 Ottobre 2019
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 Un cimitero per gli animali
Conferenze stampa

Biblioteca Città di Arezzo: un ricco programma di iniziative

9 ottobre 2019 - ore 12.00 - Sala conferenze via dei Pileati

Progetto di sostegno alle famiglie residenti

30 settembre 2019 - ore 12.00 - Sala Giostra del Saracino di palazzo comunale

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Un cimitero per gli animali

Giovanna Carlettini: “un segno di affetto per i nostri amici a quattro zampe”

Atto di indirizzo presentato dal capogruppo consiliare di Fratelli d’Italia, Giovanna Carlettini, per chiedere a sindaco e giunta di realizzare un’area da destinare a cimitero per gli animali. “Tante persone – sottolinea Carlettini – sono affezionate ai loro amici a quattro zampe e dunque sta affermandosi una crescente sensibilità nei confronti degli animali. Un cane o un gatto, ad esempio ma non solo, è spesso motivo di sollievo e di compagnia per le persone di tutte le età. Molte di queste mi hanno contattato proprio per sollecitare un’iniziativa del genere e mi presto volentieri a questo tipo di ascolto visto che sono da sempre anch’io un amante degli animali e possiedo tre gatti salvati dal randagismo.

Ci sono ovviamente anche ragioni che attengono al decoro e alla salute pubblica: uno spazio dedicato alle sepolture toglierebbe dall’impaccio che si genera nel momento in cui gli animali ci lasciano. Ed eviterebbe al contempo fenomeni di abbandono delle spoglie. Sarebbe il giusto riconoscimento dell’importante ruolo affettivo che ricoprono all’interno di un nucleo familiare mentre sono in vita. Un apposito regolamento dovrebbe infine prevedere tariffe variabili a seconda delle fasce di reddito e con esenzioni per quelle più deboli”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo